Blutek site title
 

Intervistando il colorist Tom Reiser

Originario di Chicago, Tom ha fatto parte del team di EFILM dal 2003. Con la sua profonda conoscenza del processo di DI e la sua passione per il cinema, Tom è portatore di forte entusiasmo per tutti i suoi progetti. Che si tratti di un look classico, moderno o di una via di mezzo, Tom è in grado di lavorare in molti stili e generi differenti. Dopo aver conseguito una laurea in informatica nel 2000, ha trovato lavoro come programmatore e grafico prima di decidere di intraprendere una carriera a Hollywood.




Come hai iniziato a lavorare in post fino a diventare un colorist? È stata fortuna o avevi già un “piano” in mente?

Tornato in Illinois, ho iniziato a lavorare come programmatore e ho subito capito che non faceva per me. Preferisco fare qualcosa di creativo, interagire con le persone piuttosto che sedermi in una stanza, programmare e ripetere la stessa cosa più e più volte. Mi sono trasferito a Los Angeles nel 2002 con l'idea generale che ci dovesse sicuramente essere qualcosa di “fresco” che potesse integrare la mia abilità al computer con i filmati video. Ho cominciato a guardarmi intorno e ho avuto la fortuna di trovare un lavoro a EFILM agli inizi del 2003. Questo mi ha dato la possibilità di conoscere tutto ciò che riguarda il software e ogni aspetto della DI - sono diventato letteralmente “ossessionato” da ogni componente di questo sistema! Sentivo, e sento ancora, che il mio lavoro - che coinvolge la creatività, i film, l'arte e il colore - è perfetto per me. Poco dopo sono diventato assistente colorist e ho iniziato a lavorare con Yvan Lucas. Questo è ciò che veramente mi ha messo sulla strada in cui ancora oggi mi trovo. Yvan ha un grande background nel settore e un approccio al lavoro di cui mi sono subito appropriato. I metodi di temporizzazione di laboratorio che lui mi ha trasmesso sono ancora la base del mio lavoro e del mio modo di pensare da colorist. Mi ricordo da bambino, film e fumetti erano un tale via di fuga per me. Crescendo ho iniziato ad andare ai musei, alla scoperta di vari aspetti delle arti. Ripensandoci ora, ero già all’epoca ossessionato dal colore prima ancora di rendermene conto . Al lavoro, ogni volta che ho la possibilità di mettere le mani su un proiettore e su un sistema, vorrei stare lì per ore ed ore, cercando di imparare tutto su di esso. Sono fortunato ad essere in una società in cui tutti condividono la loro conoscenza e ci si aiuta a vicenda. Quando si lavora in ambito color c'è sempre qualcosa di nuovo da imparare, nuove sfide. Oggi, sento ancora che con ogni progetto sto imparando qualcosa di nuovo. È bello essere in grado di lavorare con diverse persone creative e vedere come ogni persona si avvicina allo stesso processo in modo diverso.

Su che tipo di contenuti si va principalmente a lavorare su (film, pubblicità, programmi TV, musica)?

Io lavoro principalmente su film. EFILM è una società al servizio del settore cinema. I clienti comprendono studi cinematografici, registi indipendenti, pubblicitari, animatori, società di effetti visivi e registi di grande calibro.

Ci puoi raccontare Fury, il tuo ultimo progetto?

Ho avuto il privilegio di lavorare di recente su Fury, un film ambientato durante la seconda guerra mondiale, scritto e diretto da David Ayer. Il film è interpretato da Brad Pitt, Shia LaBeouf e Logan Lerman. Ho un background sia con David Ayer che con Roman Vasyanov, il direttore della fotografia: ho lavorato con loro su End of Watch nel 2012. Per Fury il loro approccio era unico… Al posto del normale look attribuito ad un film della seconda guerra mondiale già visto e rivisto tutti, si è deciso di dare un aspetto più realistico e contemporaneo, così da sentirci più vicini ai personaggi e a quello che stavano vivendo in quel momento. Abbiamo giocato sui toni più freddi, ma mantenendo allo stesso tempo una luce naturalistica. Con l’ausilio di Baselight, abbiamo avuto modo di giocare su molteplici forme e sfumature e di cambiare drasticamente la luce quando necessario. La velocità con la quale è possibile lavorare grazie a Baselight è quello che trovo più impressionante, in realtà. Ci ha aiutato a lavorare velocemente anche con queste scene così difficili. Non mi piace lavorare su fotogrammi fissi. La velocità è essenziale per me.

Ci sono stati problemi particolari o sequenze interessanti?

Da un punto di vista della colorazione, Fury ha presentato alcune sfide molto interessanti. E non solo per l'enorme quantità di riprese esterne. Anche questo è un film di 24 ore - si svolge nell'arco di una giornata. Una sequenza tra le mie preferite è il passaggio dal giorno alla fine della notte oscura; abbiamo qualche minuto di tempo sullo schermo per rendere questa importante transizione. Sono molto contento di come abbiamo gestito il tempo.

Che consiglio daresti a qualcuno che cerca di iniziare una carriera come colorist?

L'unica cosa che posso dire è solo di guardare e osservare tutto. Andate nella natura, in mezzo alla folla, basta guardare tutto sotto luci diverse. È importante capire e osservare le differenze tra i diversi momenti della giornata. Questa è una cosa che ho sperimentato mentre stavo lavorando su Fury quando ho voluto mantenere le cose dal lato naturale.

Parlaci della tua DI e di Baselight set.

Io lavoro con Baselight TWO con software 4.4 e con Blackboard 2 control panel e sono davvero felice delle funzionalità e della velocità che offrono.

Abbiamo sentito che hai avuto uno specifico set-up Blackboard control panel. Può parlarcene?

Essere in grado di configurare il Blackboard control panel in qualsiasi modo si desidera è assolutamente una delle mie funzioni preferite - è impressionante. Il mio è altamente personalizzato, in modo che io possa fare tutto quello che voglio con la mia mano sinistra utilizzando solo uno o due clic, così da poter utilizzare la mia mano destra solo per il grading.

Allora, cosa ti piace fare dopo essere stato in una stanza buia per tutto il giorno?

Una cosa bella di lavorare qui è che posso arrivare fino alle colline di Hollywood subito dopo aver finito di lavorare. Mi piace un sacco l’escursionismo - davvero qualcosa di diverso dal passare il tempo in una stanza buia!

C'è un video di film / pubblicità / musica che ti piace particolarmente?

Durante i miei anni universitari, è uscito Eyes Wide Shut di Stanley Kubrick. Ricordo di averlo visto un paio di volte, in realtà pensando al colore e allo sguardo. Mi ricordo di averne parlato con i miei amici per ore dopo. Qualcosa mi ha davvero colpito circa l’ uso del colore in quel film.

Se potessi scambiare i ruoli con qualcuno di un altro reparto per un giorno, quale reparto sceglieresti?

L'unico altro lavoro a Hollywood a cui sarei interessato sarebbe lavorare con una troupe televisiva. Sarebbe certamente bello muoversi di più durante il giorno!

Che cosa offre Baselight che gli altri sistemi non possono?

La velocità è sorprendente, oltre che la sua flessibilità. Ci sono tanti modi diversi di lavorare con esso. Un'altra grande caratteristica è la capacità di mantenere e applicare le diverse LUT per diverse inquadrature. Nessun altro sistema che ho usato può farlo così facilmente. A EFILM abbiamo una vasta libreria di LUT che ho a portata di mano. Il sistema di tracciamento automatico di Baselight è davvero incredibile - mi piace che i client possono vedere le finestre animate sin da subito.

 

 


Marchi Distribuiti